mercoledì 6 dicembre 2017

Myprotein Fitness Awards 2017, Runexperience tra i finalisti!


Stamattina ho ricevuto una mail da parte del famosissimo sito di Nutrizione Sportiva Myprotein. Con grande sorpresa e orgoglio mi annuncia che sono tra i 10 finalisti del Myprotein Blogger Awards 2017, nella categoria Endurance.

Sono sorpreso perché non mi ero iscritto a nessun contest e quindi non mi aspettavo un traguardo del genere. Siete voi lettori che avete pensato a me e mi avete votato, il merito e tutto vostro che mi portate affetto. Per questo sono emozionato e vi ringrazio tanto. Correndo non ho ancora vinto gare, ma questo traguardò lo considero una vittoria!

martedì 5 dicembre 2017

Natale 2017: 10 regali ideali per un runner.


Tra 3 settimane è Natale e la corsa ai regali è ormai cominciata. Trovare il presente perfetto per la persona amata non è sempre cosa facile, ma se cercate un regalo per un runner siete davvero fortunati! Facilissimo rendere felice un runner con un regalo che lo aiuterà a praticare la  sua passione. Ecco qualche idea.

Innanzitutto, amici runners, vi consiglio di creare una wish list su amazon, per rendere più semplici le ricerche dei vostri famigliari!

1. Giacchetta Hurricane Wind Storm protect di Compressport


Questa giacca antivento è davvero bellissima, è già da un po' che l'ho notata, chissà se quest'anno me la porta Babbo Natale? E' una giacca che vi proteggerà del vento e dal freddo, adattandosi alla vostra morfologia con il suo peso piuma e la sua tecnologia. Prezzo EUR 139.00

2. Booster Elite di BV Sport


Un must have del runner moderno, il booster è un oggetto con il quale non potete sbagliare. Lo utilizzano i migliori, che corrono su strada, su sentieri... la sua efficacia non è più da provare, ma piuttosto che lunghi discorsi vi riporto al test fatto inizio anno da parte mia. ;)
Prezzo EUR 55.50

3. Lampada frontale Nao+ della marca Petzl


Questa lampada ultra potente è un vero concentrato di tecnologia. Con l'inverno diventa un vero alleato del runner che vuole allenarsi seriamente ma con poco tempo libero in giornata. Me ne hanno parlato tutti benissimo e spero di poterla provare presto per voi!
prezzo EUR 169.99

4. libro L'arte di correre di Murakami


Sto leggendo adesso questo capolavoro di Murakami e lo adoro. Scrive molto bene quello che noi runners sentiamo, è un pieno di motivazione garantito per passare l'inverno.
prezzo EUR 9.35

5. scarpe Hoka Clifton 4



La mia scarpa preferita non può decisamente mancare nella lista del regalo perfetto. Per chi vuole informazioni precise vi allego il link del test fatto per voi, un paio di mesi fa. Questa scarpa molto ammortizzante e confortevole aiuta ad avere una corsa più naturale, the best semplicemente.
Prezzo EUR 130.00

6. Iscrizione ad una maratona in giro per il mondo



New York, Boston, Parigi, Londra, ma anche Venezia o Roma... Tante città che meritano di essere visitate e hanno una maratona prestigiosa. E' un modo fantastico di viaggiare facendo piacere al proprio partner, pensateci! Intanto leggete la mia esperienza a Venezia con mia famiglia vicino a me.

7. GPS Garmin Forerunner 935


Garmin è la marca top gamma nel mondo del GPS, uso la Garmin Fenix 5 da quasi 1 anno e ne sono pienamente soddisfatto. Il Forerunner 935 è quello che si fa di meglio per il corridore, potete comprarlo ad occhi chiusi!
Prezzo EUR 549.99

8. Salomon Sense Hydro set



Sono un grande fan dei prodotti Salomon, e questo sistema per bere senza fare fatica lo trovo davvero sensazionale. E' un piccolo regalo che serve sempre, dall'uscita vicino casa alla skyrace in alta montagna.
Prezzo EUR 50.00

9. Massaggio o week-end in spa



Il runner corre quasi ogni giorno dell'anno. Ci mette tanto impegno e a tutti i livelli la fatica fatta è grande. Merita un po' di recupero, quindi cosa c'è di meglio che portalo in week-end in una spa? Ne ho viste di bellissime in Trentino, come per esempio il famoso Hotel Hubertus e, se mi invitano per testare per voi, accetto volentieri! ;)

10. Bilancia Garmin Indez Smart



Tutti i runners sono ossessionati dal loro peso, quindi pensare di offrire una bilancia impedenziometrica è una buona idea per aiutare il corridore a sorvegliare il suo peso, ma anche la sua massa grassa e muscolare! Una prova molto seria è stata fatta sul blog di The Running Pitt.
Prezzo EUR 169.00

Et voila! Spero di esservi stato d'aiuto e non esitate a chiedermi qualunque informazione: sarò lieto di rispondervi. Buon shopping!

@
Credit foto: foto personale o prese sui diversi siti delle marche, tutte citate in link

lunedì 27 novembre 2017

Pausa sportiva annuale, vi dico perchè farla assolutamente!

Dopo mesi di allenamenti intensi e di gare impegnative è arrivato per me il momento di fare un periodo di transizione: la faccio ogni anno e oggi vi dico perché dovete anche voi fare assolutamente una pausa sportiva. 


Che cos'è?

Dopo una stagione carica di allenamenti, gare e altri impegni sportivi, il corpo e la mente hanno bisogno di un break per riprendere le forze. La pausa consiste in 2-3 settimane durante le quali lasciate le vostre scarpe a riposo completo o quasi.
Io, di solito, per 10 giorni non faccio niente, poi piano piano riprendo lo sport senza stressarmi più di tanto, praticando preferibilmente altre attività che non hanno impatti a terra, come lo scialpinismo, la mountain bike, vado in piscina. Ne approfitto spesso anche per farmi mettere a posto dalla fisioterapista.

Perché farla?
  • Questo è un periodo freddo, le giornate sono più corte e dobbiamo allenarci molto col buio, ci sono poche gare e siamo più stanchi con le feste. E' il periodo ideale per staccare con la corsa.
  • Permette al corpo di rigenerarsi e guarire dai numerosi infortuni dovuti alla corsa. E' un periodo di riposo necessario per ripartire bene per il nuovo anno. Chi non lo fa rischia grosso: dal semplice affaticamento all’infortunio.
  • Come nel mio caso, non solo il corpo può essere stanco ma anche la testa: staccare dalla routine degli allenamenti e delle gare permette alla mente di ritrovare la forza necessaria all'allenamento. Senza grinta non si va da nessuna parte.
  • Staccare permette anche di pensare ad altre cose che tralasciamo durante l'anno per allenarci: altri hobby o approfittare per passare più tempo con la nostra famiglia che ci concede tanto tempo tutto l'anno per praticare il nostro sport.
  • Durante questo periodo mi piace pensare agli obbiettivi per la nuova stagione che si possono fissare meglio, con più calma. Inoltre, avrete il tempo di pianificare l'allenamento per l'anno successivo. Di solito in questo periodo faccio lavorare la mia carta di credito iscrivendomi agli obbiettivi principali della nuova stagione.
  • Io approfitto anche di questo periodo non lontano dal Natale per fare shopping sportivo. Una volta fissati gli obbiettivi è sempre bello vestire nuovi capi sportivi, nuove scarpe. E' come una rinascita ed è questo il lato positivo, ogni anno si cambia un po' e si riparte più motivati che mai!

Adesso sapete tutto, allora vi auguro buone corse e pensate a recuperare con una giusta pausa! La fanno i campioni, allora perché vedo ancora amici amatori che non staccano mai? Occhio che vi sorveglio...

venerdì 24 novembre 2017

Si corre...

articolo di Enrico Bonati

La corsa è per i suoi praticanti, che siano runners, skyrunners o trailers, molto più che un semplice hobby e momento di svago: è passione, è sentirsi liberi, è stile di vita, è una sorta di "droga"! Lo confermano numerose ricerche e studi delle maggiori università mondiali che da anni si dibattono sulla questione se siamo nati per correre oppure no. Probabilmente la comunità scientifica continuerà ad analizzare per lungo tempo i comportamenti attuali dell'uomo paragonandoli a quelli dell'uomo primitivo prima di giungere ad una conclusione certa. Gli ominidi sicuramente utilizzavano la corsa per cacciare e sfuggire ai pericoli, ed è noto che la possibilità di spostarsi di corsa ha facilitato la colonizzazione di nuovi territori e la nascita di nuove civiltà. Tuttavia è noto che camminare a lungo era meno dispendioso fisicamente e si poteva eseguire il gesto per un tempo più elevato. 
Scientificamente è altrettanto certo che le endorfine e la dopamina prodotte dal nostro organismo dopo una corsa o uno sforzo motorio prolungato ci fanno stare bene, tremendamente bene da renderci dipendenti! Questo è un fattore determinante che distingue la corsa da altri sport, proprio a causa del suo effetto di benessere fisico-mentale e di antidepressivo naturale che ci dona. 
Spesso, come nel mio caso,praticando il Trail Running, si vedono posti nuovi e si riassapora il contatto con la natura.Per me la montagna è un posto sacro dove le ore e gli allenamenti sembrano passare più veloci. Correndo in ambienti che ci piacciono e che ci rilassano mentalmente, la fatica si sente meno!La possibilità di correre in ambiente naturale inoltre ci rende più felici e spensierati, e che sia una strada di campagna, un bosco fatato,una scogliera sul mare o un ghiaione di alta montagna, le motivazioni per allacciare le scarpette ed uscire a correre ci sono sempre.  
Detto questo, i motivi che spingono le persone a correre sono moltissime, a volte strettamente personali e stravaganti. Pratico la corsa da solo 5 anni, ma per me è diventata uno stile di vita e mi ha dato molto in termini di benessere ed emozioni.In questi pochi, ma intensi anni, di storie e persone ne ho conosciute molte e con molti di loro,confrontandosi e chiacchierando, ho analizzato il modo di approcciarsi a questo sport ed ho capito che ognuno vive la corsa a modo suo. Dunque è impossibile capire effettivamente il motivo che ci spinge a fare fatica con il sorriso,a "soffrire" sulle salite più dure, a svolgere allenamenti in posti improbabili ad orari impensabili, ad alzarci presto la mattina per andare in "pista", o uscire mentre fuori piove e tira vento, o sottrarre tempo ad amici e famigliari per una gara, o ancora a non cedere al divano dopo ore di lavoro per correre. Tante volte per chi non pratica questo sport sembriamo pazzi scatenati, e forse un pochino nel bene lo siamo! Ma è bello vedere tanti modi di praticare questo sport:si corre per stare o rimettersi in forma, si corre per vedere nuovi posti,si corre per viaggiare, si corre per conoscere nuove persone, si corre per stare bene con se stessi, si corre per gareggiare in competizioni agonistiche, si corre per battere l'amico/a, si corre per poter mangiare liberamente ciò che ci piace....e di motivazioni si potrebbe riempirne pagine!Si sta bene correndo, e questo è fondamentale...si corre...!



giovedì 23 novembre 2017

Black Friday: gli affari da non mancare!


Oggi è il Black Friday, impossibile non saperlo con tutta la pubblicità che ci gira intorno! E' una giornata tanta amata dagli americani, ma non solo, per comprare a prezzo scontato i primi regali di Natale. In mezzo a tutta questa follia di offerte ho trovato per voi dei veri affari per il runner.

Sulle scarpe, l'abbigliamento o i gps:
  • New Balance propone fino a 40 % di sconto con la spedizione gratuita
  • sul sito Maxisport avrete uno sconto dal 20 al 40 % su tutto
  • Xtech marca italiana propone 30 % di sconto con il codice black30
  • Amazon fa offerte flash ogni 5 minuti e vi consiglio di tenere d'occhio i gps Garmin
perché non iscriversi ad una gara?
sugli integratori:
Con tutte queste offerte, non potete sbagliarvi, buona giornata a tutti e non spendete troppo!

mercoledì 22 novembre 2017

Consigli prima di una gara di corsa

Partecipare ad una competizione è sicuramente uno dei momenti più emozionanti della vita di un runner. Per vivere al meglio questa esperienza è indispensabile curare ogni minimo dettaglio e questo vale sia se si corre una gara di 5 chilometri che per una maratona. Ecco alcuni consigli da seguire prima di una gara di corsa, basati sulla mia esperienza personale, per arrivare in ottima forma sulla linea di partenza.


La settimana prima

Ti sei allenato molto per settimane, magari mesi, l’ultima settimana è di un’importanza capitale se non vuoi vedere tutti i tuoi sforzi ridotti a zero. Segui questi semplici suggerimenti e andrà tutto bene.

Riduci il carico e visualizza il tuo obbiettivo

Il tuo programma di allenamento sicuramente avrà già messo in conto, ma è sempre bene ricordarlo, che l‘ultima settimana deve essere più leggera. Di solito si fa il 70% del carico massimo, mantenendo l’intensità di lavoro abbastanza alta. Non devi strafare e rischiare di arrivare stanco alla gara, ma non puoi neanche fare riposo assoluto. Approfitta di quest’ultima settimana per ripassare un po’ il ritmo gara che vuoi tenere e per visualizzare mentalmente la distanza e il percorso che devi affrontare. Le gambe non vanno dove la testa non sa di poter andare.

Alimentazione e idratazione

Devi mangiare sano cercando di assumere una buona parte di carboidrati, tipo pasta, riso e patate, per fare riserve di glicogeno. Non fare eccessi e, negli ultimi giorni, evita i cibi ricchi e zuccherati, difficili da digerire. Bevi tanta acqua durante tutto il giorno e non solo durante i pasti. Il giorno prima di una gara posso bere anche più di 3 litri senza problemi. Qualunque corsa sia non fare grandi cambiamenti, il tuo corpo potrebbe reagire male e volendo fare le cose correttamente faresti solo peggio.

Prendi cura di te e dormi bene

Approfitta di questa settimana per dormire un po’ di più. Il sonno permette di recuperare molto, quindi 7/8 ore a notte sono ottime per arrivare rilassato alla gara. Se, come me lavori su 3 turni, cerca di fare un pisolino nel pomeriggio, sarà sempre meglio di niente. Prendi del tempo per te, magari vai dal parrucchiere o a fare shopping, lascia la testa pensare ad altre cose, in modo da ridurre lo stress che ti porta la competizione.

Prepara il tuo materiale tecnico e informati sul percorso

Fondamentale, secondo me, è la preparazione di vestiti e scarpe per la gara. Usa solo materiale che hai già provato e collaudato e con quale ti senti bene. Usa vestiti tecnici e adatti alle condizioni meteo. E, anche se piove un po’, ti sconsiglio la giacca Kway che ti farebbe sudare in eccesso. Non si deve mai provare in gara. Informati anche sul percorso di gara: com’è, quali possono essere i punti complicati… e preparati su come arrivare il giorno della gara così da gestire i tempi senza stress supplementare.


Il giorno della gara

Ci siamo, il grande giorno è arrivato e l’emozione sarà sicuramente grande. Manca poco ma qualche piccolo dettaglio può ancora fare la differenza, ecco per te gli ultimi consigli.

La colazione

Ideale sarebbe fare colazione 3 ore o più prima della gara, per avere le energie necessarie e digerire bene. Non puoi improvvisare la colazione, devi mangiare quello che sei abituato a mangiare, non è il momento giusto per provare qualcosa di nuovo che il tuo corpo non accetterebbe.

Arriva in tempo

Non arrivare sul luogo della gara all’ultimo momento. Devi pensare che devi parcheggiare, ritirare il tuo pettorale e ci sarà sicuramente la coda, senza dimenticare il riscaldamento. Io, di solito arrivo sempre 1 ora prima della partenza.

Riscaldati bene e tieniti coperto

Non puoi partire in piena senza aver riscaldato i muscoli e il cuore, rischieresti di farti male. Corri lentamente per 15 minuti almeno e fai 2-3 allunghi a ritmo gara. Più la gara sarà corta, più hai bisogno di riscaldarti: per esempio, se devo fare una 5 chilometri mi riscaldo anche 35-40 minuti, per la maratona solo 5 e parto con calma in gara. Tieni una giacca o una maglietta fino a qualche minuto dal via: ti terrà al caldo.


E voilà, penso che con tutti questi accorgimenti arrivare pronto ad una gara non sarà più un problema per te. Se hai delle domande, o cerchi altri consigli non esitare. Il bello nel nostro sport è che possiamo imparare da tutti e migliorarci sempre. Buona gara! E fammi sapere com’è andata!




lunedì 20 novembre 2017

Palmanova half marathon: ho fatto il mio Personal Best!

I miei pensieri oggi vanno a Miljan Slamic e alla sua famiglia.
questo mio piccolo racconto lo dedico a te.





"Non devi dubitare, devi correre!!!"

Fulvio mi ha scritto queste parole ieri sera e le ho ripetuto durante tutta la gara di oggi dandomi forza e grinta. Sono venuto a correre questa mezza maratona di Palmanova (UD), 3 settimane dopo la delusione di Venezia, per cercare di fare qui il mio personale sulla distanza e chiudere alla grande questa stagione 2017.
L'obbiettivo è uno: fare il mio personal best sulla distanza! Non dovrebbe essere cosa troppo ardua in quanto il mio miglior tempo in gara è di 1 ora 36 e di 1 ora 29 e 40 in allenamento. Poi il fondo ce l'ho con la mia preparazione maratona e le ultime 3 settimane le ho fatte bene seguendo il più possibile i consigli di Massi che ringrazio tanto per la sua disponibilità. Ma la gara è gara e si deve sempre correre prima di gridare vittoria.


Arrivo sul posto di gara presto per non stressare e oggi mi sento bene, sono conscio delle mie capacità ed ho voglia di correre. Dopo un riscaldamento di 20 minuti mi dirigo sulla linea di partenza e, alle ore 10.00, siamo in 2400 a partire sulle strada del basso Friuli, pieni di motivazione e sogni nella testa. Voglio fare il mio personale, ma senza stressarmi, così decido di correre a sensazione senza guardare il cardio. Al massimo mi dico che non devo correre più lento di 4'10 al kilometro così sono sotto il mio PB.



Fino al kilometro 5 procede tutto bene. I primi 2 kilometri sono un po' sotto i 4 al kilometro ma non faccio nessuna fatica, poi riesco a trovare il ritmo che mi sembra giusto e mi concentro sul mio passo e sul respiro. C'è tanta gente e riesco a nascondermi bene per non prendere aria. Passo al 5000 in 19'44 con ottime perspettive.

Al sesto kilometro mi riprende il pallone dell'ora e 24, con tantissima gente. Cerco di mettermi insieme a loro ma tra scatti e zig zag dei corridori decido di mollare il gruppo per restare concentrato sulle mie sensazioni e non su quello che mi da fastidio intorno, così da non uscire dalla mia gara. Resto sempre al ritmo di 4 al kilometro tranne al decimo, dove rallento un attimo a 4'07 per bere con calma. Sarà il kilometro più lento della gara. Al 10° passo in 39'47, sono sempre regolarissimo e la testa è molto bene.


Da lì per 5 kilometri mi ritrovo piuttosto solo e corro con il vento da gestire come parametro in più. Ma sto bene e il ritmo resta sempre perfetto intorno a 15 all'ora. A questo punto so che se arrivo al 15° bene esploderò il mio personale, ma non mi eccito più di tanto e, a dire il vero, ci penso poco. Mi ripeto tanto in testa le parole del mio amico Fulvio, non dubitare! Passo al 15° in 59'54, a soli 15 secondi dal mio personale sulla distanza, fatto a maggio in Francia da mia mamma! Ragazzi oggi ve lo dico, sto correndo la mia mezza come non mai!


Mancano 6 kilometri all'arrivo e questa è una distanza che conosco bene. Sento che per mantenere il ritmo devo spingere più forte sulle gambe ma sento anche che ho ancora tante forze quindi non mi allarmo. Al kilometro 16 mi riprende il mio amico Stefano che mi seguiva da un po', lui è ciclista e ogni anno fa 3 mesi di corsa a ritmi impressionanti. Gli dico di partire davanti che sto bene e preferisco tenere il mio passo. Nonostante tutto facciamo 2 kilometri insieme poi scappa via, regolare come un orologio svizzero, farà tutta la gara a 3'57-3'58!!!! Arriviamo al 20° e adesso faccio fatica, ma incrocio il presidente della mia squadra che mi fa un tifo incredibile, così chiudo gli ultimi metri in buona progressione a 3'40.



E cosi arriva il tanto sperato personal best! Chiudo con il tempo di 1 ora 25 e 06 i 21.3 kilometri segnati dal mio Garmin, 4 al kilometro di media. Non so come spiegarvi le emozioni che sento in questo momento, correre una mezza a 15 a l'ora non è da tutti e 5 anni fa, quando pesavo 94 kili, non avrei mai pensato di fare questo. Ma è solo l'inizio, adesso so di poter fare molto di più e sono deciso di impegnarmi per arrivare a coronare altri sogni. Voglio correre per quelli che non lo possono più e smettere di lamentarmi! Stay tuned.